torna su

Menti e il vino volutamente declassato 2

Menti e il vino volutamente declassato
Avete mai notato avvicinandovi al banchetto dell’azienda Giovanni Menti a qualche manifestazione la scritta sulla maglietta che lui indossa? C’è scritto: Vino volutamente declassato. Se non vi siete fermati a chiedere spiegazioni questa è l’occasione per averle, pubblichiamo il breve scritto di Stefano Menti su questo argomento che è interessante per molti territori e molti produttori ...

Garganega sui Lieviti 2011 – Giovanni Menti

Garganega sui Lieviti 2011 - Giovanni Menti
La rifermentazione in bottiglia è cosa alchemica, difficile prevedere i risultati finali, mettere preventivamente in conto una variabilità da bottiglia a bottiglia. Avvertenza per i turisti: aspettare il compimento, mai lanciarsi sul bicchiere a rifermentazione appena terminata, spettate che il caldo dell’estate compia il suo lavoro di assestare il vino. E’ giunta l’ora, aperitivo e ...

La Classica Valpolicella di Cecilia Trucchi

La Classica Valpolicella di Cecilia Trucchi
Siamo a Castelrotto, frazione di San Pietro a Cariano, una di quelle alture isolate della Valpolicella classica costituite da un basamento di rocce calcaree e calcarenitiche eoceniche. L’erosione provocata dalla discesa prima dei ghiacci poi dalle piogge ha costruito dei terrazzamenti naturali che attualmente sono ricoperti da un sottile strato di terra ricchi di scheletro, ...

Valpolicella Superiore 2008 – Monte dall’Ora Azienda Agricola Biologica

Valpolicella Superiore 2008 - Monte dall'Ora Azienda Agricola Biologica
Occhio terso, impalpabile, marmoreo. Unghia violacea, quasi stanca, immobile. Metto il vino accanto a me, subito una sventagliata di amarene sotto spirito mi assale, prima ancora che abbia potuto mettere il naso dentro al bicchiere. Lo spettro olfattivo sembra granitico. Non ci sono in questo naso le punte acute di aromi definiti, inutile stare a ...

Taso, Valpolicella Classico Superiore 1998 – Villa Bellini

Taso, Valpolicella Classico Superiore 1998 - Villa Bellini
Mais mon amour Mon doux mon tendre mon merveilleux amour De l’aube claire jusqu’à la fin du jour Je t’aime encore tu sais je t’aime La chanson des vieux amants – Jacques Brel A dodici anni dalla vendemmia questa Valpolicella non è più una signorina si è fatta donna matura, splendida con le sue prime ...

Valpolicella classico superiore 2006 – Monte dall’Ora Azienda Agricola Biologica

Valpolicella classico superiore 2006 - Monte dall'Ora Azienda Agricola Biologica
  Monte dall’Ora è un’azienda biologica che ha intrapreso la strada della biodinamica e rappresenta una delle espressioni più interessanti tra realtà nate di recente in Valpolicella e nell’intero Veneto. Questo Valpolicella Classico Superiore, ottenuto come da tradizione da uve leggermente appassite, può raccontare molto a proposito della filosofia di una cantina che ha scelto ...

Sassaia 2009 – La Biancara

Sassaia 2009 - La Biancara
 Paglierino intenso, velato. Naso molto pulito, pera alla prima snasata, poi quei sassi al sole una bollente freschezza, quando la temperatura nel bicchiere è ormai troppo alta mela cotta. Entra in bocca e ti colpisce la lama acida, poi sapidità e un bel corpo, ancora acerbo, di grandi promesse. Un infanticidio? sì. Vino da bere ...

Terralba 2006 – Castello di Lispida

Terralba 2006 - Castello di Lispida
 Bianco da tavola veneto, a base di uve Tocai con un piccolo saldo di Ribolla. Serviamo a temperatura di cantina intorno ai 14°, nel bicchiere è di un bel paglierino intenso, limpido e luminoso. Al naso è molto molto mobile, apre su note di bastoncino di liquirizia, quindi frutta gialla, su tutto la susina, e ...

Taso 05 – Villa Bellini

Taso 05 - Villa Bellini
    Come chiede Cecilia, diamo la parola al vino. Rubino, limpido. Al naso è un susseguirsi di fruttini rossi, ciliegia, marasca, fragolina di bosco fresche per nulla marmellatose. Con l’innalzarsi della temperatura il vino continua a mutare, lasciando uscire note speziate che sapientemente si mescolano alle fruttate. In bocca è sapido, di corpo robusto ...

Montelispida, il biomerlot di Alessandro Sgaravatti – Castello di Lispida

Montelispida, il biomerlot di Alessandro Sgaravatti - Castello di Lispida
 Ci approcciamo a questo merlot del 2003 con curiosità e con un certo timore  vista l’annata torrida, insomma un poco di paura di trovare un vino “cotto”. Nel bicchiere è rubino molto intenso, leggermente velato. Il naso è davvero bello, spezie, frutta rossa matura, liquirizia a sbuffi, ampio e molto mobile. Non avvertiamo sentori di ...