vini, persone, territori, tradizioni

vini, persone, territori, tradizioni

Barbera d’Asti Superiore 2006 – Ezio Trinchero

trinchero-barbera-superiore-2006Serata fresca, pausa in torrido luglio.

La temperatura permette un piatto non propriamente estivo accompagnato da un vino robusto.

Quindi risotto alla milanese e Barbera d’Asti superiore di Ezio Trinchero.

Rubino intenso, limpido, leggerissimo cedimento sull’unghia.

Naso pulitissimo fin dalla prima snasata, giocato su uno sfondo di frutti scuri, da cui escono punte agrumate, sottili quanto nette.
Con l’innalzarsi della temperatura fanno capolino aromi terziari, il cuoio, l’arancia amara.

In bocca è stepitoso, entra riempie con la sua acutezza acida, pulisce il palato dall’untuosità del risotto, finisce lungo ma delicato.

Bevetelo a 18° gradi effettivi, nelle sere estive va bene servirlo anche a 15°.

Accompagnetelo con primi robusti, in stagione con bolliti misti, oppure se volete giocare pesante e stupire i vostri commensali con un gran fritto misto. Formaggi non erborinati, di latte vaccino, a media lunga stagionatura, o carni rosse, arrosti e griglia su tutto.

Uve provenienti da vigne di 25-30-55 anni, vinificate senza aggiunta di lievieti estranei, affinato in botte grande per 3 anni.

Da bere ora, oppure entro dieci anni. Barbera di grande finezza. Chapeau.

Grandissimo rapporto qualità – prezzo, cosa che di questi tempi di certo non guasta.

Acquista la Barbera superiore 2006 e gli altri vini di Ezio Trinchero

 

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Annunci
Vignaioli Naturali a Roma 2020
Ultimi articoli
nerello di enotrio

Il Nerello di Nunzio

O meglio della familia Puglisi. Etna, versante nord, 650 mt slm La bottiglia da aprire quando vuoi andare sul sicuro, bottiglia che mette tutti d’accordo,

bottiglia e bicchiere di Stralustro di Guccione

Stralustro 2008 – Guccione

Tra storia e preistoria, la lunga vita del cataratto. A volte riemergono bottiglie dimenticate. Quando apri questi vini, fatti senza aggiunte se non un pizzico

anatrino in bottiglia e nel bicchire

Anatrino – Carlo Tanganelli

Anatrino in bottiglia e nel bicchiere Trebbiano toscano, breve macerazione Siamo in Val di Chiana, (Arezzo) dove Marco Tanganelli, one man band dell’azienda, fa l’agricoltore