torna su

Questione di terroir: i vigneti da selezione massale 1

Questione di terroir: i vigneti da selezione massale
Maggiore espressione del territorio nei vini, biodiversità, costanza di produzione annata dopo annata, questi alcuni motivi per scegliere un vigneto da selezione massale Quando si parla di vino naturale si dice spesso cosa non si fa, ma sfugge a volte quello che i vignaioli fanno per ottenere vini unici, irripetibili e talvolta straordinari. Una delle ...

A tavola con il Grignolino

A tavola con il Grignolino
Mercoledì 15 aprile 2015 – Grignolino Mon Amour Mauro Musso, grande amico di Sorgentedelvino oltre che pastaio di gran classe, propone una serata sul Grignolino abbinato alla grande cucina della La Limonaia di Torino.I grignolini che assaggeremo saranno: Crealto La Casaccia Auriel Tenuta Migliavacca Cantina Valpane Tommaso Gallina Cascina Tavjin Trinchero Carussin Alcuni produttori saranno ...

Vendemmia 2014 vista dal consorzio Ovada DOGC

Vendemmia 2014 vista dal consorzio Ovada DOGC
Leggendo il bilancio della vendemmia 2014 nell’Alto Monferrato Ovadese diffuso dal Consorzio di Tutela dell’Ovada docg abbiamo trovato un approccio diverso, rispettoso sia di chi produce che di chi questi vini andrà a berli, serio e pacato, senza sensazionalismi in un senso o nell’altro. I Consorzi di tutela dovrebbero tutelare il territorio, promuoverne le eccellenze ...

La vinificazione georgiana nei Qvevri patrimonio dell’umanità secondo Unesco

La vinificazione georgiana nei Qvevri patrimonio dell'umanità secondo Unesco
Il 4 dicembre 2013 Unesco ha riconosciuto il metodo tradizionale di vinificazione georgiano nelle anfore, Qvevri, come patrimonio intangibile dell’umanità. Il riconoscimento è avvenuto nel corso dell’8a sessione del Comitato Intergovernativo per la Protezione del Patrimonio a Baku, in Azerbaijan. Sul sito dell’Unesco questa tradizione georgiana viene descritta così: “Il metodo di vinificazione Qvervi prende ...

Menti e il vino volutamente declassato 2

Menti e il vino volutamente declassato
Avete mai notato avvicinandovi al banchetto dell’azienda Giovanni Menti a qualche manifestazione la scritta sulla maglietta che lui indossa? C’è scritto: Vino volutamente declassato. Se non vi siete fermati a chiedere spiegazioni questa è l’occasione per averle, pubblichiamo il breve scritto di Stefano Menti su questo argomento che è interessante per molti territori e molti produttori ...

Stefano Menti e i Lieviti, storia di un percorso personale. 2

Stefano Menti e i Lieviti, storia di un percorso personale.
Riceviamo e pubblichiamo molto volentieri queste righe di Stefano. Narrano di un percoso personale di un agricoltore, figlio di agricoltori, di un ritorno alla centralità della terra, di una riscoperta di sapori autentici, del confronto con altri produttori di vini naturali che Stefano considera i propri maestri come Stanko Radikon, Josko Gravner, confronto spesso avvenuto ...

Ruolo di vespe e calabroni nella vita del Saccharomyces cerevisiae

Ruolo di vespe e calabroni nella vita del Saccharomyces cerevisiae
Finalmente trovata l’utilità di simili bestiacce che tanto infastidiscono in vendemmia! In pochissime parole la ricerca fatta da un gruppo di ricercatori della Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige in collaborazione con l’Università di Firenze ed il Cnrs di Montpellier, pubblicata ieri dalla rivista statunitense Pnas – Proceedings of the natural academy of sciences, ...

Il sacrificio di una denominazione: Rosso di Montalcino

Pubblichiamo con piacere l’interessante articolo di Davide Bonucci, curatore di Enoclub Siena, sulla proposta di variazione al disciplinare di produzione del Rosso di Montalcino.   Lo scempio si sta per compiere. Accordi fatti, i grossi produttori e diversi dei piccoli sono favorevoli a questa bella zappata nei piedi. I vitigni internazionali entrano  nella composizione del ...

Viticultura eroica: Pelizzatti Perego tradizione di Valtellina

Viticultura eroica: Pelizzatti Perego tradizione di Valtellina
A seconda della tua posizione di osservatore, le vigne sono sotto o sopra. Mai di fianco, a destra o a sinistra. Il salire, lo scendere costano fatica tanta fatica. Piccole scale di pietra incastonate nei muri a secco. Dal fondovalle, dal fiume, dai trecento metri, ci si inerpica da una  piccola terrazza all’altra con pendenze ...

La Sicilia dei vitigni storici: i coraggiosi che si distinguono

E’ passato tanto tempo da quando la Sicilia era nota nel mondo del vino più per i silos su ruote che si dirigevano a nord di Roma, per tutta Europa e fino al 54° parallelo, che per i suoi vitigni. Negli ultimi 30 anni si è rivelata come una delle regioni più dinamiche non solo ...