vini, persone, territori, tradizioni

vini, persone, territori, tradizioni

Crealto, alla riscoperta del grignolino

Vecchie vigne su terreni storicamente vocati del Monferrato, tanta passione e tanta competenza hanno portato Crealto a proporre da subito vini territoriali e molto ben fatti: Grignolino, Barbera e Nebbiolo. Una giovane azienda da seguire con attenzione.

I vigneti di Crealto in Piemonte

Barbera, nebbiolo e grignolino. Queste le uve che crescono sui 5 ettari vitati curati dai ragazzi di Crealto sulle colline del Monferrato Casalese. Genovesi d’origine 4 giovani (2 uomini e 2 donne) nel 2008 hanno acquistato una vecchia cascina con vigneti per realizzare il proprio progetto enologico e di vita nella natura. Hanno scelto molto bene, non solo per la stupenda posizione panoramica da cui si domina tutta la valle, la pianura e il cerchio delle montagne lontane, ma anche perché estremamente vocati per i vitigni tipici piemontesi e in particolare per il grignolino che Eleonora Costa e Luigi Armanino hanno saputo in questi anni valorizzare e far conoscere in una delle sue vesti migliori.

botte-crealto I vigneti di grignolino (2 ettari) sono i più vecchi, hanno ormai sessant’anni, sono stati i primi impiantati dal precedente proprietario Carlo Quarello detto anche “il maestro del grignolino”. Ma anche quelli di Barbera (2ha) e Nebbiolo (1ha) hanno già superato la giovinezza avendo ora più di vent’anni e iniziano ora a dare quei vini complessi ed equilibrati che caratterizzano i vini da vecchie vigne. Le scelte di lavoro fatte in vigna sono state da subito orientate al rispetto per le piante, l’ambiente e le persone: viticoltura sinceramente biologica e non interventista con qualche sconfinamento nella biodinamica con l’uso di alcuni preparati. I vigneti hanno una densità di impianto di circa 5000 piante per ettaro allevate a guyot semplice con rese al di sotto dei 50 quintali per ettaro. Il terreno, argilloso – gessoso, è esposto a sud – sud ovest con pendenza media.

Il desiderio di fare vino secondo una precisa idea è stato il motore di tutto il progetto: oltre ad avere studiato enologia e frequentato corsi di degustazione, si sono creati sul campo una bella esperienza e una profonda conoscenza del vino arrivando a fare il proprio con un ricco bagaglio culturale non solo tecnico, ma anche di amore per il vino e piacere di scoprirlo bevendolo. Non è un caso che molti bravi produttori di vino siano anche attenti bevitori capaci di cogliere le potenzialità di un luogo, di un vitigno, di una bottiglia.

crealto-giara-per-vinoLa cantina è ampia e ordinata, poca tecnologia e diversi contenitori di vinificazione, la curiosità e la voglia di conoscenza hanno infatti condotto Eleonora e Luigi a sperimentare sulla barbera diversi affinamenti portandoli oggi a proporre 3 etichette: Agricolae è la Barbera più semplice ottenuta con affinamento in solo acciaio ottimo anche come vino quotidiano nonostante i suoi 15 gradi, La Svolta è una Barbera superiore con un anno di affinamento in botte grande e dalla vendemmia 2010 si aggiunge la Vis, ancora una volta la base è la Barbera superiore ma affinata per un anno in anfora, o per essere più precisi in giare di terracotta prodotte in Toscana. Non parliamo di anfore perché queste hanno forma conica (a punta) e vengono solitamente interrate, mentre le giare hanno fondo piatto per poter essere appoggiato a terra, erano tipicamente usate in Toscana per contenere l’olio. Ma resta il Grignolino Marcaleone il vino più affascinante che esce con l’etichetta di Crealto e di lui Eleonora e Luigi scrivono: “Vino scandalo, vino dispari, vino difficile e poco redditizio ma profondamente amato.”

Tratto comune di tutti i loro vini facilmente percepibile è un grande rispetto per la materia con cui si trovano a lavorare, le loro uve, ma anche un’estrema pulizia sia al naso che in bocca e una bella ricchezza aromatica anche sui vini che si vorrebbero più semplici.

Accanto ad Eleonora e Luigi, i loro soci si occupano principalmente dell’accoglienza nell’agriturismo davvero molto curato dove è possibile sia soggiornare in ampie e confortevoli camere con vista che sedersi a tavola per gustare i piatti della tradizione e della campagna ad un eccellente rapporto qualità prezzo. E questo è un velato suggerimento ad andare a visitare Crealto godendo di una pausa pranzo o di una cena di ottima qualità.

Un’ultima nota va alle persone, da cui non si può scindere il vino: grande consapevolezza del ruolo del vignaiolo in vigna e in cantina, ma anche della situa ione agricola e del proprio territorio. A chiudere un cerchio di una piccola azienda da seguire con costanza nel tempo: visto l’esordio non possiamo che aspettarci grandi vini nei prossimi anni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Ultimi articoli
nerello di enotrio

Il Nerello di Nunzio

O meglio della familia Puglisi. Etna, versante nord, 650 mt slm La bottiglia da aprire quando vuoi andare sul sicuro, bottiglia che mette tutti d’accordo,

bottiglia e bicchiere di Stralustro di Guccione

Stralustro 2008 – Guccione

Tra storia e preistoria, la lunga vita del cataratto. A volte riemergono bottiglie dimenticate. Quando apri questi vini, fatti senza aggiunte se non un pizzico

anatrino in bottiglia e nel bicchire

Anatrino – Carlo Tanganelli

Anatrino in bottiglia e nel bicchiere Trebbiano toscano, breve macerazione Siamo in Val di Chiana, (Arezzo) dove Marco Tanganelli, one man band dell’azienda, fa l’agricoltore