vini, persone, territori, tradizioni

vini, persone, territori, tradizioni

Illegal!!! L’aceto non è il naturale derivato del mosto

Illegale! manette!

Intravino mi cita… rispondo così:

Iniziamo con lo sfatare il mito della trasformazione naturale del mosto in aceto. Il mosto non si trasforma in aceto senza batteri acetici e, a volte, manco si riesce con l’inoculo ( o madre che dir si voglia). L’elevata gradazione alcolica del vino, così come l’elevato tenore zuccherino dei mosti, impediscono l’acefiticazione.

L’intermedio, tra zucchero e aceto, è sempre alcol etilico, (chimica organica di base, seconda superiore).

Sicuri che il vino naturale sia illegale? Tra etica e legge spesso ci sta un abisso, puoi finire dentro se rubi un paio di scarpe al supermercato e stare fuori se pianti una bancarotta fraudolenta da 5 milioni di euro …

Troppo spesso il vino assomiglia al doping sportivo, dentro ci viene infilato qualcosa per migliorarne le prestazioni, e magari quel qualcosa non è ne ammmesso ne proibito (non lo si trova perchè non viene cercato all’analisi). Poi improvvisamente diventa doping (prodotto proibito, magari pure dannoso).

L’industria alimentare è ricca di questi esempi, vedi bisolfito, venduto miscelato a spezie negli anni ottanta, da aggiungere a salumi, ad un paio di milioni di lire al hg (di allora).

Spiegatemi, che c’entrano le proteine dei fagioli messicani aggiunte al vino? dopo questa aggiunta come si fa a chiamare ancora quel liquido vino?

Per me, mosto d’uva, pigiato e fermentato, con una piccola aggiunta di solforosa, è l’unica cosa che si può chiamare vino, il resto è una bevanda idroalcolica a base di succo d’uva.
Qualcosa mi ricorda la vicenda del Bitto, denominazione divenuta appannaggio di un formaggio di bassa valle…

Tra poco mi siederò a tavola, stapperò una boccia del mio vino (illegale, lo fo solo per casa), se vengono a prendermi le forze dell’ordine un bicchiere comunque lo offro anche a loro.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Annunci
Vignaioli Naturali a Roma 2020
Ultimi articoli
nerello di enotrio

Il Nerello di Nunzio

O meglio della familia Puglisi. Etna, versante nord, 650 mt slm La bottiglia da aprire quando vuoi andare sul sicuro, bottiglia che mette tutti d’accordo,

bottiglia e bicchiere di Stralustro di Guccione

Stralustro 2008 – Guccione

Tra storia e preistoria, la lunga vita del cataratto. A volte riemergono bottiglie dimenticate. Quando apri questi vini, fatti senza aggiunte se non un pizzico

anatrino in bottiglia e nel bicchire

Anatrino – Carlo Tanganelli

Anatrino in bottiglia e nel bicchiere Trebbiano toscano, breve macerazione Siamo in Val di Chiana, (Arezzo) dove Marco Tanganelli, one man band dell’azienda, fa l’agricoltore