vini, persone, territori, tradizioni

vini, persone, territori, tradizioni

Le vin de Jumelage – Borc Dodon

denis-montanar-vin-jumelageUn vino ma non solo. Un gemellaggio italo-francese, un progetto educativo per avvicinare i bambini all’agricoltura naturale. Una iniziativa di solidarietà con chi ha davvero bisogno.

Tutto ciò in una bottiglia, scusate se è poco.

 

Da uve Merlot e Refosco, vitigno che apparenta le due realtà del gemellaggio, raccolte e pigiate coi piedi dai bambini che hanno partecipato all’iniziativa.

 

Avrebbe potuto essere un bel gioco… invece…

 

Rubino-violaceo nel bicchiere limpido.

Al naso abbisogna di tempo per aprirsi, quindi o avete pazienza, oppure , io lo sconsiglio, scaraffate. Quando si apre è frutta rossa croccante (visciola, susina nera) , spezia (chiodo di garofano, pepe bianco) dolce e molto mobile, intrigante.

In bocca bella corrispondenza col naso, giovanissimo ma già di bell’ equilibrio. Acidità ben presente, perfettamente integrata, sapido, finale lungo, dolce.

Legno non pervenuto.

Beva entusiasmante, un sorso tira l’altro e la bottiglia finisce in un attimo. Da bere ora o nei prossimi dieci anni, ha davanti un futuro radioso.

Abbinatelo a piatti di carne rossa non troppo elaborati, servitelo sui diciotto gradi magari anche un paio in meno in piena estate.

 

Un vino “etico” sotto tutti i punti di vista, grazie Denis.

 

Lotto: L. 131009

 

Note di degustazione di Paolo Rusconi

Acquista i vini di Borc Dodon

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Ultimi articoli
bottiglia e bicchiere di Stralustro di Guccione

Stralustro 2008 – Guccione

Tra storia e preistoria, la lunga vita del cataratto. A volte riemergono bottiglie dimenticate. Quando apri questi vini, fatti senza aggiunte se non un pizzico

anatrino in bottiglia e nel bicchire

Anatrino – Carlo Tanganelli

Anatrino in bottiglia e nel bicchiere Trebbiano toscano, breve macerazione Siamo in Val di Chiana, (Arezzo) dove Marco Tanganelli, one man band dell’azienda, fa l’agricoltore

La legge naturale del territorio

Il vino naturale come nome, oggi sembra sia in crisi, ma dopo averlo pronunciato per la prima volta ha acquisito una sostanza difficilmente cancellabile, derivante dal desiderio di produttori e consumatori di rispettare l’ambiente, produrre e consumare prodotti meno industriali, meno artefatti, più genuini, più, più e meno e ancora più…

Alex Podolinsky

Alex Podolinsky, ci ha lasciati il 30 giugno 2019

Alex Podolinsky è morto il 30 giugno 2019 a pochi giorni dal suo 94esimo compleanno. Nella sua lunga vita ha avuto un’influenza determinante sullo sviluppo dell’agricoltura biodinamica. Non solo nella ricerca, ma anche nella diffusione della pratica tra gli agricoltori.