vini, persone, territori, tradizioni

vini, persone, territori, tradizioni

Montecucco Poggio d’Oro 2008 – Le Calle

le-lecalle-poggio-doro-montecucco, vino biologico toscanaUn piacevole vino dell’azienda Le Calle, nel centro della D.O.C. Montecucco. Da uve sangiovese in purezza, appena versato rapisce l’occhio per il suo colore violaceo, come fosse concentrato, addolcito da leggere sfumature rosso sangue.

Al naso i sentori di frutti di bosco, more e ciliegie mature, forse amarena, sono i veri protagonisti indiscussi. Una lieve nota floreale dolce, di viola. Con il passare del tempo escono alcuni richiami vegetali crudi, note di corteccia, una leggera affumicatura e il richiamo “carnale” tipico del sangiovese, la classica nota terrosa. Al sorso è di buon corpo, con dei tannini vivaci che si fanno sentire anche a fondo bocca. Una decisa nota amaricante accompagna la chiusura.

Un bicchiere piacevole da bere nelle fredde serate d’inverno in compagnia di un piatto caldo; non è un vino da bere in solitudine, esige il cibo per esprimersi al meglio. Da abbinare dunque a piatti della tradizione toscana, come ad esempio una buona ribollita. Pronto da bere, non adatto ad un lungo invecchiamento.

Scopri Le Calle e acquista i vini direttamente dal produttore

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Annunci
Vignaioli Naturali a Roma 2020
Ultimi articoli
nerello di enotrio

Il Nerello di Nunzio

O meglio della familia Puglisi. Etna, versante nord, 650 mt slm La bottiglia da aprire quando vuoi andare sul sicuro, bottiglia che mette tutti d’accordo,

bottiglia e bicchiere di Stralustro di Guccione

Stralustro 2008 – Guccione

Tra storia e preistoria, la lunga vita del cataratto. A volte riemergono bottiglie dimenticate. Quando apri questi vini, fatti senza aggiunte se non un pizzico

anatrino in bottiglia e nel bicchire

Anatrino – Carlo Tanganelli

Anatrino in bottiglia e nel bicchiere Trebbiano toscano, breve macerazione Siamo in Val di Chiana, (Arezzo) dove Marco Tanganelli, one man band dell’azienda, fa l’agricoltore