vini, persone, territori, tradizioni

vini, persone, territori, tradizioni

Porta del vento 2009 – Porta del Vento

porta del vento, cataratto, vino biologico sicilia

 Continua a rappresentare una delle interpretazioni più convincenti del Catarratto in purezza, questo Porta del Vento: corpo e bevibilità, versatilità e territorialità, tutto riesce a convivere in equilibrio in questo bianco che lascia anche presagire buone prospettive in termini evolutivi. Un vino ben fatto, insomma, figlio di un territorio particolare – i vigneti si trovano a circa seicento metri di altitudine – e di una scelta inequivocabilmente naturale. Già pronto al consumo, saprà senza dubbio regalare soprese ed emozioni nel giro di non molto tempo. Affinamento sei mesi più sei acciaio/vetro, 6 mila le bottiglie in commercio.

Colore giallo paglierino luminoso. Al naso è caratterizzato da bella pulizia e complessità in divenire. Fresco floreale (tiglio, acacia) e agrumato, richiami di frutta chiara e miele. Deciso ma non invadente, bella mineralità. Di estremo interesse il quadro gustativo. Secco, sapido, freschissimo ma non privo di morbidezza, presenta una progressione (ancora) non del tutto fluida e un finale non lunghissimo; poi però arriva una persistenza spiazzante, tutta giocata su richiami all’olfatto.

Abbinamenti consigliati: la combinazione sapidità – freschezza regala un prodotto di notevole abbinabilità, che può essere pensato sposato a prosciutti crudi, verdure al forno, carni bianche, zuppe di pesce, crostacei in varie preparazioni.

A cura di Marco Arturi

Scopri Porta del Vento e i suoi vini di Sicilia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Ultimi articoli
bottiglia e bicchiere di Stralustro di Guccione

Stralustro 2008 – Guccione

Tra storia e preistoria, la lunga vita del cataratto. A volte riemergono bottiglie dimenticate. Quando apri questi vini, fatti senza aggiunte se non un pizzico

anatrino in bottiglia e nel bicchire

Anatrino – Carlo Tanganelli

Anatrino in bottiglia e nel bicchiere Trebbiano toscano, breve macerazione Siamo in Val di Chiana, (Arezzo) dove Marco Tanganelli, one man band dell’azienda, fa l’agricoltore

La legge naturale del territorio

Il vino naturale come nome, oggi sembra sia in crisi, ma dopo averlo pronunciato per la prima volta ha acquisito una sostanza difficilmente cancellabile, derivante dal desiderio di produttori e consumatori di rispettare l’ambiente, produrre e consumare prodotti meno industriali, meno artefatti, più genuini, più, più e meno e ancora più…

Alex Podolinsky

Alex Podolinsky, ci ha lasciati il 30 giugno 2019

Alex Podolinsky è morto il 30 giugno 2019 a pochi giorni dal suo 94esimo compleanno. Nella sua lunga vita ha avuto un’influenza determinante sullo sviluppo dell’agricoltura biodinamica. Non solo nella ricerca, ma anche nella diffusione della pratica tra gli agricoltori.