vini, persone, territori, tradizioni

vini, persone, territori, tradizioni

Io Bevo Così, in arrivo la 3a edizione

Data / Ora
Date - 22/05/2016 - 23/05/2016
11:00 am - 6:30 pm

Luogo
Villa Sommi Picenardi

Categorie


IO BEVO COSI_VINO ETICO

Domenica 22 e lunedì 23 maggio 2016 apre la terza edizione di “Io Bevo Così” a Villa Sommi Picenardi nella bellissima campagna della provincia di Lecco.

Le degustazioni aprono dalle 11 alle 18,30 per incontrare il vino e i suoi produttori: circa 80 i vignaioli presenti per presentare più di 500 vini naturali, biologici e biodinamici provenienti da tutta Italia e da alcune regioni della Francia. Segnaliamo tra gli altri: Arpepe, Casè, Casebianche, Denis Montanar, I Mandorli, La Maliosa, Pierini e Brugi, Raina, Rocco di Carpeneto. In programma cene ed eventi con numerosi chef lombardi.

L’evento è organizzato dall’associazione Io Bevo Così, la racconta Andrea Sala sul sito della sua distribuzione vini thatswine.eu: “Nel settembre 2013 ho fondato con due amici, imprenditori del settore enogastronomico, l’associazione ‘‘Io Bevo Così’’ che si propone di promuovere non solo eventi, fiere, degustazioni, ma di stimolare il dibattito attorno al tema del «mangiare e bere sano». Con questo obiettivo abbiamo organizzato la fiera di vini naturali e di territorio ‘‘Io Bevo Così’’ che quest’anno giunge alla terza edizione. Una “due giorni” che vede protagonisti produttori provenienti da tutta l’Italia e da alcune regioni della Francia e che ha riscosso successo e apprezzamento da parte degli operatori del settore e del pubblico che ha affollato gli stand.”

Tutte le informazioni sul sito: iobevocosi.it

Dove si svolge l'evento

Sto caricando la mappa ....

Altri articoli

nerello di enotrio

Il Nerello di Nunzio

O meglio della familia Puglisi. Etna, versante nord, 650 mt slm La bottiglia da aprire quando vuoi andare sul sicuro, bottiglia che mette tutti d’accordo,

bottiglia e bicchiere di Stralustro di Guccione

Stralustro 2008 – Guccione

Tra storia e preistoria, la lunga vita del cataratto. A volte riemergono bottiglie dimenticate. Quando apri questi vini, fatti senza aggiunte se non un pizzico