torna su

Falso d’autore (rifermentato in bottiglia) 1

La ricetta per il perfetto rifermentato in bottiglia

falso d'autore

 

“Dire quello che si fa, fare quello che si dice.”

Acquistare uva bio-certificata, vinificare con lieviti selezionati ed enzimi. Correggere quello che c’è da correggere. In autoclave aggiungere il giusto mix tra fruttosio e glucosio, lieviti.

Rifermentare.

Filtrare sterile, correggere quello che c’è da correggere.

Aggiungere un paio di secchi di scorze di lieviti.

Tenere le scorze in sospensione, inbottigliare con l’isobarica.

Eccolo, bello e pronto, il rifermentato in bottiglia senza una puzzetta, senza un difettino, tutti i lotti perfettamente uguali.

Falso come una moneta da 3 €.

Chapeau.

PS Riferimenti a fatti, persone ed aziende sono puramente casuali, questo è un racconto di fantasia, ma non troppo.

One comment on “Falso d’autore (rifermentato in bottiglia)

  1. Pingback: Falso d’autore (rifermentato in bottiglia) - scuolaenologica.com

Leave a Reply