vini, persone, territori, tradizioni

vini, persone, territori, tradizioni

Falso d’autore (rifermentato in bottiglia)

La ricetta per il perfetto rifermentato in bottiglia

falso d'autore

 

“Dire quello che si fa, fare quello che si dice.”

Acquistare uva bio-certificata, vinificare con lieviti selezionati ed enzimi. Correggere quello che c’è da correggere. In autoclave aggiungere il giusto mix tra fruttosio e glucosio, lieviti.

Rifermentare.

Filtrare sterile, correggere quello che c’è da correggere.

Aggiungere un paio di secchi di scorze di lieviti.

Tenere le scorze in sospensione, inbottigliare con l’isobarica.

Eccolo, bello e pronto, il rifermentato in bottiglia senza una puzzetta, senza un difettino, tutti i lotti perfettamente uguali.

Falso come una moneta da 3 €.

Chapeau.

PS Riferimenti a fatti, persone ed aziende sono puramente casuali, questo è un racconto di fantasia, ma non troppo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Annunci
Vignaioli Naturali a Roma 2020
Ultimi articoli
nerello di enotrio

Il Nerello di Nunzio

O meglio della familia Puglisi. Etna, versante nord, 650 mt slm La bottiglia da aprire quando vuoi andare sul sicuro, bottiglia che mette tutti d’accordo,

bottiglia e bicchiere di Stralustro di Guccione

Stralustro 2008 – Guccione

Tra storia e preistoria, la lunga vita del cataratto. A volte riemergono bottiglie dimenticate. Quando apri questi vini, fatti senza aggiunte se non un pizzico

anatrino in bottiglia e nel bicchire

Anatrino – Carlo Tanganelli

Anatrino in bottiglia e nel bicchiere Trebbiano toscano, breve macerazione Siamo in Val di Chiana, (Arezzo) dove Marco Tanganelli, one man band dell’azienda, fa l’agricoltore