vini, persone, territori, tradizioni

vini, persone, territori, tradizioni

La Piana

logo-lapiana-capraia
  • 57032 Capraia Isola (Livorno)
  • tel. 392/0592988
  • Sito Web: www.lapianacapraia.it
  • info@lapianacapraia.it
  • Titolare: Alice Bollani

L’azienda agricola biologica La Piana si trova sull’Isola di Capraia, all’interno del Parco Nazionale Arcipelago Toscano. L’area di cui fa parte, denominata “Il Piano S. Stefano”, è un luogo magico e incontaminato dove aromi, suoni, colori e tradizioni si fondono con i sapori e i saperi antichi, in cui il tempo sembra essersi fermato. E’ raggiungibile a piedi dal paese con la strada vicinale del Semaforo, un percorso di 20 minuti.

Qui hanno vissuto in epoche diverse romani, anacoreti, e saraceni con le loro scorribande grazie alla generosità di questi terreni, gli unici pianeggianti dell’isola, che riuscivano a fornire tutto quanto era necessario alla propria sussistenza. Nello scorso secolo l’area fu ceduta in affitto alla Colonia Penale e i detenuti hanno lavorato questi terreni fino al momento della dismissione del carcere.
Nel 2000, quando ormai la macchia mediterranea rischiava di sopraffare ogni cosa, è iniziato un lavoro attento e difficile di restauro ambientale dell’area che ha riportato al loro originario splendore questi luoghi restituendo alla vista un territorio “antico” di straordinaria bellezza. Il paesaggio, custodito dalla presenza dell’attività agricola, è disegnato dalla discontinuità dei filari di vite nella macchia mediterranea, terrazzamenti, muretti a secco, antiche cisterne, e da specie ornamentali autoctone quali oleandro, rosmarino, rosa antica; è una perfetta integrazione tra agricoltura di qualità, tutela ambientale e memoria storica.

L’indirizzo produttivo prevalente è vitivinicolo. Da vitigni di aleatico viene prodotto un vino rosso passito “da meditazione” di nome Cristino che racchiude in se l’atmosfera di questo luogo splendido ed un vino rosato particolare ed unico.

  • Bottiglie prodotte annue: 10000
  • vitigni impiantati: Aleatico Toscano-Vermentino-Ciliegiolo
  • superfice azienda: 12.00 ha
  • superfice vitata: 5.00 ha
  • sistema allevamento: cordone speronato e Guyot
  • età delle viti: da 2 a 10 anni
  • Metodo lavoro: Biologico certificato
  • Come lavoriamo in vigna: Certificata con Ecocert
Gallery
la-piana-capraia-vigne4 la-piana-capraia-vigne3 la-piana-capraia-vigne2 la-piana-capraia-vigne la-piana-capraia-vendemmia la-piana-capraia-tappi

I vini dell'azienda

  • Vino passito

Classificazione: Toscana, Indicazione Geografica Tipica, vino  “Cristino” 

 Uvaggio: aleatico 100%, da uve prodotte col metodo dell’agricoltura  biologica                  

 Alcol medio: 13.5/14  % vol. – bottiglia da 0,375 cl

 Vendemmia: raccolta manuale in cassette

 Appassimento: naturale su graticci per circa 20 giorni

 Epoca di raccolta: settembre

 Sistema di allevamento: cordone speronato

 Densità per impianto: 4000 viti/ha

 Anno di impianto: 2000

 Durata macerazione: 10 giorni

 Temperatura di fermentazione: 25° 

 Maturazione: 6 mesi in serbatoi inox

 Affinamento in bottiglia: per 4/6 mesi

 Bottiglie medie prodotte:  1800 da 0.375

 

Caratteristiche: 

Profumi intensi di amarene,mirto,macchia mediterranea,erbe aromatiche. L’attacco è dolce,gustosissimo,fragrante,lungo 

Abbinamenti consigliati

Dolci secchi, castagne, cioccolato fondente e formaggi  stagionati

  • Vino rosato

Classificazione: Toscana, Indicazione Geografica Tipica, vino  “Rosa della Piana”

Uvaggio: aleatico 100%, da uve prodotte col metodo dell’agricoltura  biologica                         

Alcol: 12.5 % vol. – bottiglia da 0,75 cl

Vendemmia: raccolta manuale in cassette

Epoca di raccolta: settembre

Sistema di allevamento: cordone speronato

Densità per impianto: 4000 viti/ha

Età media delle viti: 11 anni

Durata macerazione: vinificazione in bianco di uva rossa

Maturazione: 4 mesi in serbatoi inox

Affinamento in bottiglia: per 2 mesi

Bottiglie prodotte:  3000

 

Descrizione organolettica e considerazioni:

Seducente veste rosa antico,sprigiona un’elegante florealità unita a cenni di erbe aromatiche e in bocca ha un bell’equilibrio tra acidità,aromaticità e componente fruttata.

Abbinamenti: aperitivi, pesce e crostacei, zuppa di pesce livonese “Caciucco”, piatti di verdure e formaggi, culatello e prosciutto crudo stagionato.

  • Vino bianco

Classificazione: Toscana, Indicazione Geografica Tipica, vino “Palmazio”.

​Aromi floreali e note agrumate, freschezza gustativa e piacevole sapidità

  • Vino rosso

Classificazione: Toscana, Indicazione Geografica Tipica, vino  “Zenobito”

Uvaggio: ciliegiolo 70%, colorino 30% da uve prodotte col metodo dell’agricoltura  biologica                        

Alcol: 14 % vol. – bottiglia da 0,75 cl

Vendemmia: raccolta manuale in cassette

Epoca di raccolta: fine settembre

Sistema di allevamento: guyot

Densità per impianto: 4000 viti/ha

Età media delle viti: 4 anni

Durata macerazione: 14 giorni sulle bucce

Maturazione: 4 mesi in serbatoi inox, 12 mesi in anfora di terracotta

Affinamento in bottiglia: per 6 mesi

Bottiglie prodotte:  800 da .075 lt + 100 magnum 1.5 lt

Catratteristiche: Rosso intenso, tannini eleganti e morbidi.. Al naso e in bocca predomina una sensazione fruttata e persistente.

Ultimi articoli
bottiglia e bicchiere di Stralustro di Guccione

Stralustro 2008 – Guccione

Tra storia e preistoria, la lunga vita del cataratto. A volte riemergono bottiglie dimenticate. Quando apri questi vini, fatti senza aggiunte se non un pizzico

anatrino in bottiglia e nel bicchire

Anatrino – Carlo Tanganelli

Anatrino in bottiglia e nel bicchiere Trebbiano toscano, breve macerazione Siamo in Val di Chiana, (Arezzo) dove Marco Tanganelli, one man band dell’azienda, fa l’agricoltore

La legge naturale del territorio

Il vino naturale come nome, oggi sembra sia in crisi, ma dopo averlo pronunciato per la prima volta ha acquisito una sostanza difficilmente cancellabile, derivante dal desiderio di produttori e consumatori di rispettare l’ambiente, produrre e consumare prodotti meno industriali, meno artefatti, più genuini, più, più e meno e ancora più…

Alex Podolinsky

Alex Podolinsky, ci ha lasciati il 30 giugno 2019

Alex Podolinsky è morto il 30 giugno 2019 a pochi giorni dal suo 94esimo compleanno. Nella sua lunga vita ha avuto un’influenza determinante sullo sviluppo dell’agricoltura biodinamica. Non solo nella ricerca, ma anche nella diffusione della pratica tra gli agricoltori.