vini, persone, territori, tradizioni

vini, persone, territori, tradizioni

Iscadoro Paestum Bianco 2008 – Casebianche Azienda Agricola

casebianche-iscadoro-bianco-2008, vini naturali campaniaVino di vigna, uvaggio di fiano, malvasia, trebbiano e altre uve autoctone campane. Lieviti autoctoni, estrema semplicità nella vinificazione, niente trucchi. Bella ricetta!

Paglierino carico, limpido fino all’ultimo bicchiere. Apre al naso con una nota affumicata netta quanto veloce a scomparire. Poi è macchia mediterranea, timo selvatico, buccia di limone. Con l’innalzarsi della temperatura esce un poco di albicocca, torna nel finale l’affumicato accompagnato dalla nocciola. In bocca è di bella potenza, netta e piacevole l’acidità. Complesso, sapido, decisamente intrigante. Abbastanza lungo il finale.

Lo abbiamo abbinato ad un fritto misto emiliano, verdure carni pesciolini e anche tocchetti di mela e semolino dolce, buon abbinamento. Il meglio dovrebbe darlo con un bel pescione al forno riempito di erbe aromatiche.

Pronto da bere ora, ampi margini di miglioramento con un ulteriore affinamento in bottiglia. Adattissimo anche per vendita a bicchiere, la bottiglia regge tranquillamente un paio di giorni senza particolari attenzioni.

Scopri l’azienda agricola Casebianche e acquista i vini direttamente dal produttore

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Ultimi articoli
bottiglia e bicchiere di Stralustro di Guccione

Stralustro 2008 – Guccione

Tra storia e preistoria, la lunga vita del cataratto. A volte riemergono bottiglie dimenticate. Quando apri questi vini, fatti senza aggiunte se non un pizzico

anatrino in bottiglia e nel bicchire

Anatrino – Carlo Tanganelli

Anatrino in bottiglia e nel bicchiere Trebbiano toscano, breve macerazione Siamo in Val di Chiana, (Arezzo) dove Marco Tanganelli, one man band dell’azienda, fa l’agricoltore

La legge naturale del territorio

Il vino naturale come nome, oggi sembra sia in crisi, ma dopo averlo pronunciato per la prima volta ha acquisito una sostanza difficilmente cancellabile, derivante dal desiderio di produttori e consumatori di rispettare l’ambiente, produrre e consumare prodotti meno industriali, meno artefatti, più genuini, più, più e meno e ancora più…

Alex Podolinsky

Alex Podolinsky, ci ha lasciati il 30 giugno 2019

Alex Podolinsky è morto il 30 giugno 2019 a pochi giorni dal suo 94esimo compleanno. Nella sua lunga vita ha avuto un’influenza determinante sullo sviluppo dell’agricoltura biodinamica. Non solo nella ricerca, ma anche nella diffusione della pratica tra gli agricoltori.