vini, persone, territori, tradizioni

vini, persone, territori, tradizioni

Nero d’Avola 2008 – Bosco Falconeria azienda biologica

Meno di duemila bottiglie prodotte per questo vino territoriale ed essenziale fin dalla concezione, un Nero d’Avola che riesce a coniugare bevibilità e complessità a dispetto di una struttura che risulta ancora da smussare a causa dell’età. Non vi aspettate un rosso rotondo all’insegna dell’avvolgenza, perché il lavoro effettuato da Antonio e Natalia Simeti è chiaramente finalizzato a garantire bevibilità e versatilità ad un vino troppo spesso frainteso e avvilito nelle proprie possibilità espressive.

Bosco Falconeria è ad ogni modo uno dei nomi dell’ “altra” Sicilia, quella che vuole raccontarsi senza badare alle richieste del marketing. Colore rosso rubino intenso con riflessi violacei. Olfatto non immediato ma intrigante e persistente, all’insegna di una ciliegia matura che apre un quadro nel complesso seduttivo, arricchito da note selvatiche e vegetali. Con la permanenza nel calice emergono altri richiami, su tutti quello della cannella. Al palato risulta da subito giovane, con un tannino ancora un po’ rude che ne condiziona la progressione. La stoffa pare tuttavia esserci tutta, anche per via della sapidità e di un frutto godibile che regala al sorso una persistenza invidiabile senza risultare stucchevole né appesantire il quadro complessivo.

Abbinamenti consigliati: primi piatti con sughi a base di carne, arrosti, ma anche pesci grassi in umido e formaggi a media stagionatura.

A cura di Marco Arturi

Scopri Bosco Falconeria e acquista i vini direttamente dal produttore

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Annunci
Vignaioli Naturali a Roma 2020
Ultimi articoli
nerello di enotrio

Il Nerello di Nunzio

O meglio della familia Puglisi. Etna, versante nord, 650 mt slm La bottiglia da aprire quando vuoi andare sul sicuro, bottiglia che mette tutti d’accordo,

bottiglia e bicchiere di Stralustro di Guccione

Stralustro 2008 – Guccione

Tra storia e preistoria, la lunga vita del cataratto. A volte riemergono bottiglie dimenticate. Quando apri questi vini, fatti senza aggiunte se non un pizzico

anatrino in bottiglia e nel bicchire

Anatrino – Carlo Tanganelli

Anatrino in bottiglia e nel bicchiere Trebbiano toscano, breve macerazione Siamo in Val di Chiana, (Arezzo) dove Marco Tanganelli, one man band dell’azienda, fa l’agricoltore