vini, persone, territori, tradizioni

vini, persone, territori, tradizioni

Terrone 2006 – La Comune Urupia

uropia_terrone-006  Rosso da tavola, per scelta, da uve Negramaro e Primitivo. Rubino nel bicchiere pulito, limpido. Bottiglia servita leggermente fresca, sui 16 gradi, un attimo chiusa al naso ma appena si scalda lascia uscire belle note di frutta rossa (maresca) accompagnate da una florealita decisa e ampia. Assaggino, girata di bicchiere, altra snasata… note di spezie un bel miscuglio intrigante quanto difficile da sviscerare. In bocca è decisamente piacevole, bei tannini dolci e non invadenti, buona acidità e grande sapidità. Finale non lunghissimo, lascia la bocca felicemente pulita. Pronto da bere, potrebbe migliorare con qualche anno di cantina. Lo abbiamo abbinato ad un piatto di formaggi a pasta dura stagionati, matrimonio perfetto. Potrebbe accompagnare benissimo anche i piatti di carne classici della Puglia, come le bracioline di cavallo o un agnello al forno. Lotto:4806

Acquista il Terrone 2006 e gli altri vini biologici della Comune Urupia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Annunci
Vignaioli Naturali a Roma 2020
Ultimi articoli
nerello di enotrio

Il Nerello di Nunzio

O meglio della familia Puglisi. Etna, versante nord, 650 mt slm La bottiglia da aprire quando vuoi andare sul sicuro, bottiglia che mette tutti d’accordo,

bottiglia e bicchiere di Stralustro di Guccione

Stralustro 2008 – Guccione

Tra storia e preistoria, la lunga vita del cataratto. A volte riemergono bottiglie dimenticate. Quando apri questi vini, fatti senza aggiunte se non un pizzico

anatrino in bottiglia e nel bicchire

Anatrino – Carlo Tanganelli

Anatrino in bottiglia e nel bicchiere Trebbiano toscano, breve macerazione Siamo in Val di Chiana, (Arezzo) dove Marco Tanganelli, one man band dell’azienda, fa l’agricoltore