vini, persone, territori, tradizioni

vini, persone, territori, tradizioni

Ruchè 2006 – Cascina Tavijn

cascina_tavijn_ruche

Vitigno autoctono piemontese, tosto, contadino eppur elegante per questo vino di Cascina Tavijn, il Ruché appunto…

Nel bicchiere si presenta di colore rubino intenso, non è limpidissimo.

Naso giocato tra toni floreali, rosa in primis, e spezie (chiodo di garofano, macis).

In bocca perfetta la corrispondenza col naso, tornano le spezie ed i fiori.

Bella l’acidità che facilita la beva ammortizzando l’impatto dei 14° di questa annata 2006.

Tannini importanti, forse ancora un filo rustici, finale lunghissimo.

Noi lo abbiamo abbinato ad una coscia di capra (cottura lenta in forno a bassa temperatura) e ci stava molto bene, altrettanto bene lo vedrei con un salmì leggero di selvaggina da pelo o perché no, anche penna.

Concludendo un vino di quelli da salvare, da mettere in cantina, o da bere subito. Un vino vero, importante deciso e sopratutto schietto. Lotto: L0207

Acquista il Ruché 2006 e gli altri vini di Cascina Tavjin – Nadia Verrua

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Annunci
Vignaioli Naturali a Roma 2020
Ultimi articoli
nerello di enotrio

Il Nerello di Nunzio

O meglio della familia Puglisi. Etna, versante nord, 650 mt slm La bottiglia da aprire quando vuoi andare sul sicuro, bottiglia che mette tutti d’accordo,

bottiglia e bicchiere di Stralustro di Guccione

Stralustro 2008 – Guccione

Tra storia e preistoria, la lunga vita del cataratto. A volte riemergono bottiglie dimenticate. Quando apri questi vini, fatti senza aggiunte se non un pizzico

anatrino in bottiglia e nel bicchire

Anatrino – Carlo Tanganelli

Anatrino in bottiglia e nel bicchiere Trebbiano toscano, breve macerazione Siamo in Val di Chiana, (Arezzo) dove Marco Tanganelli, one man band dell’azienda, fa l’agricoltore