vini, persone, territori, tradizioni

vini, persone, territori, tradizioni

Trebbiolo 2010 – La Stoppa

Trebbiolo 2010 rosso fermo dell'azienda agrcola La Stoppa di Rivergaro

Vino rosso da tavola, potrebbe essere un grande gutturnio, forse qualcuno (leggi consorzio d tutela) dovrebbe rivedere le proprie politiche di controllo. Annata decisimente felice, vino condadino in veste elegante.

Che bello questo vino!

Tipico vino dei Colli Piacentini, ottenuto da uve Barbera e Bonarda.

Il profilo aromatico è caratterizzato da notevole ricchezza e movimento: inizia timido su note di violetta, burrocacao e ciliegia freschissima, ma con il passare delle ore si arricchisce di sentori fruttati più scuri, e sopratutto di intriganti note carnose/ferrose che duettano su un sottofondo di aromi scuri, selvaggi e decisi.

Alla beva mostra carattere, corpo e davvero tanta bella freschezza che si contrappone al calore dato dalla sensazione glicerica; è quindi agile e pieno, dotato inoltre di un bel tannino sgranato – probabile contributo dato dalla Bonarda – che lavora incessante sul palato.

Nel complesso, si tratta di un gran bel vino da bere e apprezzare in quantità, in compagnia, magari a tavola in abbinamento con piatti della tradizione piacentina come il salame cotto o l’anguilla in umido.

Bello ora, non può che migliorare con qualche tempo di sosta in cantina.


Il produttore e i suoi vini: La Stoppa


Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Ultimi articoli
bottiglia e bicchiere di Stralustro di Guccione

Stralustro 2008 – Guccione

Tra storia e preistoria, la lunga vita del cataratto. A volte riemergono bottiglie dimenticate. Quando apri questi vini, fatti senza aggiunte se non un pizzico

anatrino in bottiglia e nel bicchire

Anatrino – Carlo Tanganelli

Anatrino in bottiglia e nel bicchiere Trebbiano toscano, breve macerazione Siamo in Val di Chiana, (Arezzo) dove Marco Tanganelli, one man band dell’azienda, fa l’agricoltore

La legge naturale del territorio

Il vino naturale come nome, oggi sembra sia in crisi, ma dopo averlo pronunciato per la prima volta ha acquisito una sostanza difficilmente cancellabile, derivante dal desiderio di produttori e consumatori di rispettare l’ambiente, produrre e consumare prodotti meno industriali, meno artefatti, più genuini, più, più e meno e ancora più…

Alex Podolinsky

Alex Podolinsky, ci ha lasciati il 30 giugno 2019

Alex Podolinsky è morto il 30 giugno 2019 a pochi giorni dal suo 94esimo compleanno. Nella sua lunga vita ha avuto un’influenza determinante sullo sviluppo dell’agricoltura biodinamica. Non solo nella ricerca, ma anche nella diffusione della pratica tra gli agricoltori.