vini, persone, territori, tradizioni

vini, persone, territori, tradizioni

SassoCarlo Bianco Toscano 2008 – Fattoria di Bacchereto

bacchereto-terre-a-mano-sassocarlo-bianco2008Uvaggio classico toscano, trebbiano e malvasia con prevalenza del primo vitigno. Una settimana di macerazione sulle bucce. Oro antico nel bicchiere, quasi a ricordare le rotte della malvasia nell’antichità. Al naso è spezia di sottofondo, la susina gialla, assieme alla pesca sempre gialla e matura, fanno capolino a sbuffi. Potenza allo stato puro in bocca, senza fronzoli o ciccia inutile. Sapido quasi salino, bella acidità integrata, lungo il finale.

Un vino che ti fodera la bocca, mai stucchevole o eccessivo, intenso senza essere obeso. Pronto da bere, potete invecchiarlo per parecchi anni (anche un decennio se avete la pazienza) e non potrà che migliorare ulteriormente. Abbinatelo a pesci al forno, formaggi di media stagionatura evitando il parmigiano, primi importanti senza pomodoro aggiunto. Oppure a merenda con veri salumi toscani, meglio se di cinta.

Concludendo un bianco toscano di alto livello, senza scorciatoie internazionali, adatto ad un lungo invecchiamento. Perfetto pure per la vendita a bicchiere, dura tranquillamente tre giorni senza particolari accorgimenti.

Scopri la Fattoria di Bacchereto

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Ultimi articoli
nerello di enotrio

Il Nerello di Nunzio

O meglio della familia Puglisi. Etna, versante nord, 650 mt slm La bottiglia da aprire quando vuoi andare sul sicuro, bottiglia che mette tutti d’accordo,

bottiglia e bicchiere di Stralustro di Guccione

Stralustro 2008 – Guccione

Tra storia e preistoria, la lunga vita del cataratto. A volte riemergono bottiglie dimenticate. Quando apri questi vini, fatti senza aggiunte se non un pizzico

anatrino in bottiglia e nel bicchire

Anatrino – Carlo Tanganelli

Anatrino in bottiglia e nel bicchiere Trebbiano toscano, breve macerazione Siamo in Val di Chiana, (Arezzo) dove Marco Tanganelli, one man band dell’azienda, fa l’agricoltore