vini, persone, territori, tradizioni

vini, persone, territori, tradizioni

Solatìo della Cerreta 2005 – Podere La Cerreta Azienda Agricola Biodinamica

 la-cerreta-solatio-2006

Ecco uno dei (non pochi) esempi di quella Toscana pulita e autentica che resta sé stessa anche quando si targa Igt. Il Solatio, – 85% sangiovese più aggiunte variabili di merlot, cabernet sauvignon, foglia tonda, barsaglina e colorino – affina per un anno in legni piccoli e per un anno in bottiglia.

Colore rosso rubino intenso, di media concentrazione, violaceo all’unghia.

Naso pulito, diretto e avvolgente, caratterizzato da viola mammola, prugna, piccoli frutti rossi e sostenuto da una nota balsamica decisa che scongiura qualsiasi caduta di tensione. Dopo una sosta nel bicchiere emergono richiami speziati e cuoio.

In bocca si presenta inizialmente un po’ scomposto, con il tannino ancora mordace che chiama spalla alla freschezza dell’acidità, per recuperare con una progressione elegante caratterizzata da buona dinamica e nerbo.

Le sensazioni gusto-olfattive lasciano netto e a lungo il ricordo di un’eleganza che non paga – anzi si nutre – della spontaneità di questo vino, che sembra avere una buona prospettiva sotto il punto di vista evolutivo.

Consigliamo di aprire la bottiglia in leggero anticipo rispetto al servizio, possibilmente a una temperatura di 18°.

Abbinamenti consigliati: zuppa di lenticchie, fagioli, trippe, pollame, formaggi di media stagionatura.

 

Maggiori info su il Solatio e gli altri vini de La Cerreta

Recensione di Marco Arturi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Ultimi articoli
nerello di enotrio

Il Nerello di Nunzio

O meglio della familia Puglisi. Etna, versante nord, 650 mt slm La bottiglia da aprire quando vuoi andare sul sicuro, bottiglia che mette tutti d’accordo,

bottiglia e bicchiere di Stralustro di Guccione

Stralustro 2008 – Guccione

Tra storia e preistoria, la lunga vita del cataratto. A volte riemergono bottiglie dimenticate. Quando apri questi vini, fatti senza aggiunte se non un pizzico

anatrino in bottiglia e nel bicchire

Anatrino – Carlo Tanganelli

Anatrino in bottiglia e nel bicchiere Trebbiano toscano, breve macerazione Siamo in Val di Chiana, (Arezzo) dove Marco Tanganelli, one man band dell’azienda, fa l’agricoltore