vini, persone, territori, tradizioni

vini, persone, territori, tradizioni

Solatìo della Cerreta 2005 – Podere La Cerreta Azienda Agricola Biodinamica

 la-cerreta-solatio-2006

Ecco uno dei (non pochi) esempi di quella Toscana pulita e autentica che resta sé stessa anche quando si targa Igt. Il Solatio, – 85% sangiovese più aggiunte variabili di merlot, cabernet sauvignon, foglia tonda, barsaglina e colorino – affina per un anno in legni piccoli e per un anno in bottiglia.

Colore rosso rubino intenso, di media concentrazione, violaceo all’unghia.

Naso pulito, diretto e avvolgente, caratterizzato da viola mammola, prugna, piccoli frutti rossi e sostenuto da una nota balsamica decisa che scongiura qualsiasi caduta di tensione. Dopo una sosta nel bicchiere emergono richiami speziati e cuoio.

In bocca si presenta inizialmente un po’ scomposto, con il tannino ancora mordace che chiama spalla alla freschezza dell’acidità, per recuperare con una progressione elegante caratterizzata da buona dinamica e nerbo.

Le sensazioni gusto-olfattive lasciano netto e a lungo il ricordo di un’eleganza che non paga – anzi si nutre – della spontaneità di questo vino, che sembra avere una buona prospettiva sotto il punto di vista evolutivo.

Consigliamo di aprire la bottiglia in leggero anticipo rispetto al servizio, possibilmente a una temperatura di 18°.

Abbinamenti consigliati: zuppa di lenticchie, fagioli, trippe, pollame, formaggi di media stagionatura.

 

Maggiori info su il Solatio e gli altri vini de La Cerreta

Recensione di Marco Arturi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Annunci
Vignaioli Naturali a Roma 2020
Ultimi articoli
nerello di enotrio

Il Nerello di Nunzio

O meglio della familia Puglisi. Etna, versante nord, 650 mt slm La bottiglia da aprire quando vuoi andare sul sicuro, bottiglia che mette tutti d’accordo,

bottiglia e bicchiere di Stralustro di Guccione

Stralustro 2008 – Guccione

Tra storia e preistoria, la lunga vita del cataratto. A volte riemergono bottiglie dimenticate. Quando apri questi vini, fatti senza aggiunte se non un pizzico

anatrino in bottiglia e nel bicchire

Anatrino – Carlo Tanganelli

Anatrino in bottiglia e nel bicchiere Trebbiano toscano, breve macerazione Siamo in Val di Chiana, (Arezzo) dove Marco Tanganelli, one man band dell’azienda, fa l’agricoltore