vini, persone, territori, tradizioni

vini, persone, territori, tradizioni

Gutturnio fermo Otto 2009 – Gualdora

gualdora-vino-bio-gutturnio-otto-2009Gutturnio fermo di tradizione, vinificato in cemento e per la quasi totalità affinato negli stessi contenitori (il 10% della massa viene posta in barrique usate).

Rubino, appena velato. Dal bicchiere escono immediatamente grandi profumi, fiori di campo bianchi, la violetta, mobili e netti. Con il riscaldamento del bicchiere questi fiori si combinano con una confettura di ciliegia e le piccole spezie donate dalla croatina. Al sorso è decisamente sapido, giustamente acido, la beva molto coinvolgente. Tannini sottili ed eleganti. Finale piacevolmente amaricante di frutta rossa e mandorla amara.

Abbinatelo alla classica cucina piacentina, oppure servitelo fresco ( sui 14°) a fianco di una grigliata mista o a formaggi di media stagionatura. Un must per le cene estive, bere ora o nel giro di un paio d’anni. I punti di forza: intensità e pulizia aromatica, beva facile, grande rapporto qualità prezzo.

Acquista L’otto e gli altri vini di Gualdora

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Annunci
Vignaioli Naturali a Roma 2020
Ultimi articoli
nerello di enotrio

Il Nerello di Nunzio

O meglio della familia Puglisi. Etna, versante nord, 650 mt slm La bottiglia da aprire quando vuoi andare sul sicuro, bottiglia che mette tutti d’accordo,

bottiglia e bicchiere di Stralustro di Guccione

Stralustro 2008 – Guccione

Tra storia e preistoria, la lunga vita del cataratto. A volte riemergono bottiglie dimenticate. Quando apri questi vini, fatti senza aggiunte se non un pizzico

anatrino in bottiglia e nel bicchire

Anatrino – Carlo Tanganelli

Anatrino in bottiglia e nel bicchiere Trebbiano toscano, breve macerazione Siamo in Val di Chiana, (Arezzo) dove Marco Tanganelli, one man band dell’azienda, fa l’agricoltore