vini, persone, territori, tradizioni

vini, persone, territori, tradizioni

San Vito 2008 – Valli Unite

valli-unite-timorasso-san-vito E’ una lettura del timorasso semplice ma non didattica, quella del San Vito di Valli Unite, che lascia trasparire in maniera inequivocabile un grande rispetto per il territorio e per un vitigno che non finisce di stupire per le sue qualità. Tutto giocato sul contrasto tra acidità e morbidezze, questo è un campione di buona struttura che riesce (è del resto una delle caratteristiche principali del vitigno) a non risultare stancante o noioso. Potenzialmente è molto longevo. Forse deve ancora crescere in quanto a personalità rispetto ad altri prodotti, ma la sua pulizia ne fa un vino di grande interesse, davvero estroverso e generoso.

Colore giallo paglierino luminoso con riflessi verdolini. Al naso si presenta estremamente aperto, complesso e fragrante in un quadro di grande pulizia e piacevolezza. Pera e foglia di pomodoro in bella evidenza, note floreali di acacia e biancospino, accenni minerali. Al gusto si concede senza ritrosie, pur mantenendo una certa disciplina di fondo. La notevole acidità sostiene uno sviluppo gustativo armonico e corretto. Energico, pieno, caratterizzato da buona freschezza e sapidità. La chiusura è abbastanza lunga e senza cedimenti.

Abbinamenti: in attesa dell’evoluzione, consigliamo di provarlo con una tagliata di tonno o con del salmone. Tra i primi potrebbe valorizzare un buon piatto di trenette al pesto. Naturalmente portato per accompagnare carni bianche, può essere accostato a un tortino di verdura. Tra i formaggi lo vedremmo ottimamente con i caprini. Servitelo fresco ma non ghiacciato. Lotto: L. 04.04.09

Acquista il San Vito e gli altri vini di Valli Unite

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Ultimi articoli
bottiglia e bicchiere di Stralustro di Guccione

Stralustro 2008 – Guccione

Tra storia e preistoria, la lunga vita del cataratto. A volte riemergono bottiglie dimenticate. Quando apri questi vini, fatti senza aggiunte se non un pizzico

anatrino in bottiglia e nel bicchire

Anatrino – Carlo Tanganelli

Anatrino in bottiglia e nel bicchiere Trebbiano toscano, breve macerazione Siamo in Val di Chiana, (Arezzo) dove Marco Tanganelli, one man band dell’azienda, fa l’agricoltore

La legge naturale del territorio

Il vino naturale come nome, oggi sembra sia in crisi, ma dopo averlo pronunciato per la prima volta ha acquisito una sostanza difficilmente cancellabile, derivante dal desiderio di produttori e consumatori di rispettare l’ambiente, produrre e consumare prodotti meno industriali, meno artefatti, più genuini, più, più e meno e ancora più…

Alex Podolinsky

Alex Podolinsky, ci ha lasciati il 30 giugno 2019

Alex Podolinsky è morto il 30 giugno 2019 a pochi giorni dal suo 94esimo compleanno. Nella sua lunga vita ha avuto un’influenza determinante sullo sviluppo dell’agricoltura biodinamica. Non solo nella ricerca, ma anche nella diffusione della pratica tra gli agricoltori.