vini, persone, territori, tradizioni

vini, persone, territori, tradizioni

S’cètt il rosso di montagna – Crocizia Azienda Agricola

 

crocizia-s'cèttAgricoltura di montagna, biologica.

La coltivazione è biologica, basse le rese, nel 2009 siamo intorno a 60 quintali per ettaro.

Spuma rosata, abbondante e di fine grana, poi rubino limpido ed intenso.

Naso su note minerali, quasi gessose, poi frutta rossa croccante, decisa ed intensa (piccola riduzione iniziale che sparisce nel giro di pochi secondi).

Sapido, quasi salato in bocca al primo assaggio. Quando la carbonica smette di spingere ritornano, coerenti, le note avvertite al naso.

Beva coinvolgente.Finale lungo.

Giustamente nell’olimpo dei rossi emiliani a rifermentazione naturale in bottiglia.

Pecca di gioventù estrema , ma il ragazzo si farà, migliorerà per parecchi anni.

Servitelo fresco sui 14°, d’estate anche un paio di meno; acccompagnato ai salumi dolci dell’Appennino Emiliano, con gnocco fritto, primi delicati come i tortelli d’erbette, ma anche con arrosti di vitello e altre carni delicate.

Rapporto qualità prezzo ottimo (vale per tutti i vini di Crocizia).

Lotto: L. 0209

Acquista lo S’cètt e gli altri vini di Crocizia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Ultimi articoli
bottiglia e bicchiere di Stralustro di Guccione

Stralustro 2008 – Guccione

Tra storia e preistoria, la lunga vita del cataratto. A volte riemergono bottiglie dimenticate. Quando apri questi vini, fatti senza aggiunte se non un pizzico

anatrino in bottiglia e nel bicchire

Anatrino – Carlo Tanganelli

Anatrino in bottiglia e nel bicchiere Trebbiano toscano, breve macerazione Siamo in Val di Chiana, (Arezzo) dove Marco Tanganelli, one man band dell’azienda, fa l’agricoltore

La legge naturale del territorio

Il vino naturale come nome, oggi sembra sia in crisi, ma dopo averlo pronunciato per la prima volta ha acquisito una sostanza difficilmente cancellabile, derivante dal desiderio di produttori e consumatori di rispettare l’ambiente, produrre e consumare prodotti meno industriali, meno artefatti, più genuini, più, più e meno e ancora più…

Alex Podolinsky

Alex Podolinsky, ci ha lasciati il 30 giugno 2019

Alex Podolinsky è morto il 30 giugno 2019 a pochi giorni dal suo 94esimo compleanno. Nella sua lunga vita ha avuto un’influenza determinante sullo sviluppo dell’agricoltura biodinamica. Non solo nella ricerca, ma anche nella diffusione della pratica tra gli agricoltori.